Quantcast
Indici di borsa, cosa sono e quali i più importanti al mondo - BlogFinanza.com

Indici di borsa, cosa sono e quali i più importanti al mondo

Quando si parla di indici azionari si fa riferimento a un insieme di azioni composti a loro volta da titoli azionari. La quantità di questi ultimi varia notevolmente e può spaziare da poche decine a diverse centinaia, inoltre si possono dividere anche per tipologie di azioni e localizzazione.

Non esiste, infatti, un unico indice globale, ma diversi, per ogni Nazione, continente o regioni.

Molti di questi li abbiamo sentiti nominare spesso al telegiornale, magari senza capire fino in fondo di cosa si tratta. Per questa ragione abbiamo deciso di approfondire l’argomento fornendo una descrizione dei principali indici.

Va detto, prima, che l’andamento degli indici dipende chiaramente da quello delle azioni. Questo, però, non implica che viene effettuata una semplice media matematica tra i titoli, ma una media ponderata. Più rilevanti saranno le azioni e maggiori le loro influenze sull’andamento dell’indice.

Indici globali vs indici nazionali

Come specificato prima gli indici spesso si dividono per nazioni, raccogliendo i titoli azionari delle relative aziende principali.

Esistono però dei titoli globali che seguono la stessa impostazione di quelli nazionali, ma includono migliaia di titoli riconducibili ad altrettante aziende, ricadenti in diversi Stati del mondo, come l’indice MSCI.

Cos’è l’indice MSCI World? Si potrebbero chiedere i non addetti ai lavori. Si tratta di uno dei più grossi indici azionari globali, sostenuto da Morgan Stanley Capital International, tanto da essere utilizzato come benchmark, metro di misura per intenderci, delle azioni globali e mondiali.

Al suo interno sono raccolti titoli provenienti dai più disparati Paesi mondiali, come Svizzera, Germania, Canada, Italia, Francia, Svezia, per un totale di 23 nazioni.

Insomma, probabilmente è l’indice degli indici, quello su cui ci si può fare un’idea delle dinamiche azionarie a livello globale

Quali sono gli altri indici di mercato

Paese che vai, indici che trovi, ognuno raccoglie i propri e noi cerchiamo di scoprirne i principali.

Partendo dall’Italia, certamente avrete sentito nominare l’indice Mibtel, beh non esiste più dal 2009, perché è stato rimpiazzato dall’indice FTSE Italia All Share e include gli indici FTSE MIB, FTSE Italia Mid Cap e FTSE Italia Small Cap. Ognuno di questo raccoglie specifici titoli azionari in base al tipo di capitalizzazione delle aziende che ne fanno parte.

Tra quelli europei, invece, meritano menzione l’FTSE-100 per il Regno Unito, DAX30 per la Germania, l’IBEX35 per la Spagna e il CAC40 per la Francia.

I numeri che accompagnano gli acronimi degli indici indicano il numero di società capitalizzate a cui fanno riferimento i titoli presenti nei rispettivi panieri azionari.

Passando oltre Oceano, invece, certamente conosceremo tutti gli indici statunitensi Dow Jones e NASDAQ. Oltre a questi, negli Stati Uniti c’è anche l’indice Io S&P 500, quest’ultimo, come si intuisce, conta ben 500 aziende quotate nel mercato Newyorkese.

È in Asia?

Beh, non mancano neanche lì e qualcuno ci suonerà certamente familiare.

Il più noto, infatti è il NIKKEI che contiene i 225 titoli delle maggiori aziende quotate nella Borsa di Tokyo.

Accanto a questo, infine, si posizionano anche l’indice HANG SENG INDEX (HSI), che invece raccoglie i titoli azionari delle principali società di Hong Kong e il CSI 300, che include 300 titoli particolari perché vengono definiti di tipo A.

Si tratta di titoli che non tutti possono acquistare, ma sono aperti solo al mercato cinese e ai compratori che hanno ottenuto una qualificazione particolare dal Governo cinese, Qualified Foreign Institutional Investors e copre sia la borsa di Shanghai che quella di Shenzhen.

Conoscere i principali indici di mercato rappresenta certamente una guida valida nella scelta degli investimenti da effettuare per la gestione dei propri risparmi e la conoscenza più approfondita delle dinamiche del mercato degli investimenti a livello internazionale.

Sull'autore

Luca M.

Lascia un Commento

X

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.